• Notizie
  • Articoli Recenti

Innovazione nella cardiologia strutturale e nella cardiochirurgia

Pubblicato da Salvatore Tribastone il 13 giugno 2019

L’innovazione è qualcosa che gli esseri umani cercano costantemente per ottenere maggiori risultati nella vita. Seguendo questa stessa idea, scienziati, medici e altre persone correlate coinvolte nel campo medico sono il puro esempio di innovazione, creando sempre nuove tecniche, metodi e procedure per trattare le condizioni mediche.

All’interno di questo campo, il dipartimento di cardiologia si è evoluto molto negli ultimi 50 anni, superando i confini classici per sviluppare nuovi modi per gestire sia le condizioni cardiache congenite che acquisite, creando un nuovo campo chiamato cardiopatia strutturale o cardiologia strutturale.

Questa nuova sottospecializzazione va di pari passo con la cardiochirurgia, trattando condizioni strutturali patologiche che coinvolgono soprattutto le cardiopatie valvolari e congenite e sviluppando un fervido interesse nel creare approcci meno invasivi con l’obiettivo di ridurre i rischi procedurali, aumentare i risultati clinici ed estendere queste procedure alla maggior parte della popolazione.

Come detto sopra, gli interventi valvolari sono una delle ragioni principali per cui viene praticata la cardiologia strutturale. Approfittando di alcuni dei recenti metodi creati, come la biostampa 3D e le procedure MitraClip®, questo nuovo campo sta aprendo nuove porte alla cardiologia e alla cardiochirurgia. (altro…)

CABG, i miei primi 60 anni

Pubblicato da Salvatore Tribastone il 13 giugno 2019

L’intervento di bypass delle arterie coronarie, noto anche come CABG, è attualmente considerato una delle procedure più comunemente eseguite quando si parla di chirurgia a cuore aperto. Mentre Adam Hammer descrisse la malattia delle arterie coronarie per la prima volta nel 1876, fu solo nel 1910 che fu fatta la prima descrizione di questa particolare procedura.

Circa due decenni dopo che Alexis Carrel descrisse la procedura per l’innesto di bypass delle arterie coronarie, il Dr. John Gibbon sviluppò la primissima macchina cuore-polmoni, che fornì lo standard per il bypass cardiopolmonare, aprendo la strada a rendere l’intervernto di CABG una possibilità reale all’interno della medicina convenzionale.

Diversi progressi sono stati fatti nell’ambito delle procedure chirurgiche per migliorare il trattamento delle malattie cardiovascolari. Nel 1950, Arthur Vineberg realizzò il primo innesto di arteria mammaria interna nel miocardio. La procedura fu considerata efficace solamente quando si riuscì a visualizzare l’impianto mediante arteriografia verificando la comunicazione tra l’arteria mammaria e l’arteria coronaria. Tuttavia, la tecnica di Vineberg ebbe un’alta incidenza di trombosi e mortalità postoperatorie. Tre anni dopo, fu descritta la prima procedura in cui sono stati impiantati innesti arteriosi nella circolazione coronarica di un paziente. Un altro importante progresso è stato fatto quando un’endoarteriectomia dell’arteria coronaria è stata eseguita per la prima volta senza l’uso di bypass cardiopolmonare. Probabilmente, il bypass aortocoronarico non avrebbe avuto la possibilità di miglioramento senza il precedente sviluppo dell’endoarteriectomia per rimuovere le placche ateromatose nelle arterie coronarie, eseguita con successo per la prima volta nel 1955 e che continuò ad essere perfezionata fino a quando, nel 1961, Senning eseguì un’arteriotomia coronarica con l’impianto di un segmento di vena safena. Nel 1964, Donald Effler usò per la prima volta patch di pericardio nel sito di endoarteriectomia invece dell’arteria mammaria o della vena safena.

Il Dr. René G. Favaloro è stato considerato il responsabile della standardizzazione e della sistematizzazione della tecnica dell’innesto di bypass delle arterie coronarie negli anni ’60. Poco dopo, questo intervento sarebbe diventato uno dei più praticati al mondo, poiché offriva la possibilità di prolungare e migliorare la vita di migliaia di pazienti con grave malattia coronarica (aterosclerosi). La grande innovazione di Favaloro era quella di collegare la vena safena (prelevata dalla gamba) con l’arteria coronaria, per generare una scorciatoia o una derivazione per la rivascolarizzazione del cuore. Dalla sua rivoluzionaria tecnica diretta di rivascolarizzazione, milioni di vite sono state salvate in tutto il mondo. (altro…)

Notizie da @salvotribastone

MyTwitter